Preghiera di perdono



Abbiamo commesso crimini contro l'umanità e li abbiamo attribuiti ai Tuoi disegni.
Usiamo la Bibbia, addirittura le parole di Gesù  per legittimare la guerra, genocidi, pogrom, stragi.
Schiavisti frequentarono  la scuola domenicale, e nelle invasioni colonialiste chiedevano la tua benedizione attraverso i cappellani.
Diamo la colpa alla donna, allo straniero, al diverso, per i mali che noi stessi siamo responsabili.
Abbiamo inutilmente accumulato quello che non utilizzeremo mai. Siamo avidi e non ce ne rendiamo conto.
Abbi pietà di noi, Signore.
Non riusciamo a spiegare perché l'esilio di Israele in Egitto durò quattrocento anni.
Non ha senso l'Inquisizione essersi  trascinata per oltre duecento anni.
Abbiamo fallito nel giustificare lo sterminio di intere culture da gruppi missionari che volevano catechizzarli.
Non c’è logica che tenga la perversità di tante persone scomparire in crematori, fosse comuni e nella bomba atomica.
Abbi pietà di noi, Signore.
Abbiamo fatto una marcia indietro così presto nella nostra compassione. Non vogliamo disturbarci con l'esiliato. Demonizziamo quello che ci offende facilmente.
Rinchiusi nei nostri ghetti culturali, ci dimentichiamo che il dialogo ha due sensi: ascoltare e parlare.
Noi disprezziamo la realtà che la famiglia, la cultura e calendario locale sono in gran parte responsabili per le nostre convinzioni; così noi condanniamo coloro che non hanno le stesse credenze.
Continuiamo a parlare di speranza, facendo i migliori auguri, mentre piantiamo spini.
Abbi pietà eterna di noi, Signore.  

Soli Deo Gloria
Ricardo Gondim




Commenti

Post popolari in questo blog

Ripensando la fede.

Cristo salva