Il peso snecessario della religione




Soffro nel ricordare il giorno in cui João ed io abbiamo corso insieme. Lui aveva 25 anni ed io, quasi il doppio. Snello, João non si sforzava per tenere il mio ritmo. Con il fiato che gli avanzava, ha cominciato a raccontarmi la sua depressione. Gli ho chiesto se aveva identificato qualche motivo di tristezza che lo colpiva. Paura di fallire, ha risposto tra un passo e l'altro.
Nel resto del percorso, ho cercato di comunicare che, riguardo a Dio, lui potrebbe riposare. Dio ci ama senza richiederci le prestazioni. Anche senza mai raggiungere il successo, continuiamo amati. Ho detto ancora che Dio, a differenza di persone, non desiste di quelli che non hanno avuto esito. Due settimane dopo, sono rimasto sconvolto. João si è suicidato.
Il mio compagno di corsa aveva paura del futuro. Nonostante i consigli e le preghiere, insieme alla cura di altri cristiani, non sono stato in grado di aiutare. Per quanto lui abbia lottato, non poteva ribaltare la disperazione di vedersi sconfitto dalla vita. La sua morte mi ha fatto crollare. Ho avuto un affetto speciale per João. Com’è terribile percepire che nulla, assolutamente nulla fatto da me, abbia avuto la forza di invertire il suo sgomento. Lui si è punito con una decisione irreversibile e disastrosa.
Forse João non si era reso conto che l'ansia e la depressione sono parte della nostra esistenza. C'è uno sgomento che non solo ruba il sonno. La depressione può iniettare un altro veleno: il pessimismo. Diversi personaggi di storia secolare, e biblica, soffrivano di questo veleno. Senza forze, hanno cercato di fuggire in caverne oscure nei momenti di disperazione. Abbattuti, molti non immaginavano di ritrovare le forze che gli restituissero la speranza. Sparire sembrava l'opzione migliore. Questi pensieri morbosi, tuttavia, non devono finire in tragedia: essi passano.
Nel triste suicidio di João, ho imparato che le persone non hanno necessariamente paura di morire: sono terrorizzate, invece, di immaginare che non sapranno vivere. L'inevitabilità della morte smette di spaventarle; e poi, passano a pensare solo di evitare che la vita continui senza senso.
Milan Kundera ha detto: Ciascuno ha difficoltà ad accettare il fatto che scomparirà, sconosciuto e inosservato, in un universo indifferente. La frase potrebbe spiegare perché alcune persone si sbattono tanto per realizzare qualcosa di straordinario - alcune addirittura commettono un crimine. È che tutte le persone vogliono essere apprezzate nella vita - e ricordate dopo la morte. Quando si accorgono che non ci riusciranno, optano per la non-esistenza.
Hanno detto mesi dopo che João ha passato l’infanzia angosciato dal desiderio di compiacere il padre. Ha mantenuto un senso di fallimento per intuire che non ci sarebbe mai riuscito. In adolescenza, giocava a calcio con gli occhi fissi sugli spalti. Sperava di guadagnare un sorriso di approvazione - che non è mai arrivato. João si è laureato in ingegneria. Non ha celebrato il giorno in cui ha ricevuto il diploma: non era il migliore della classe. Così, quando progettava il futuro, si deprimeva. Il suo orizzonte era definito dal fallimento.
Il mondo religioso occidentale preoccupa. Le principali religioni monoteiste sottolineano i requisiti - austeri – di un Dio [Padre] difficile di essere accontentato. Ebrei, musulmani e cristiani non sarebbero mai d'accordo con Gilberto Gil: "Se voglio parlare con Dio, devo accettare il dolore. Devo mangiare pane, devo sopportare l’inferno. Devo diventare un cane. Devo leccare la terra.” Tuttavia, i culti ed i contenuti di spiritualità nella vita di tutti i giorni, confermano la musica. La spiritualità che si diffonde e prevale attualmente lascia ai credenti dei pesanti fardelli sulle spalle. In Brasile, si moltiplicano le chiese specializzate che non lasciano che le persone dimentichino i loro debiti con un Dio implacabile.
In quel concetto religioso, non si riposa. Le inadeguatezze della vita diventano il motivo per le sconfitte esistenziali. I contrattempi passano ad essere visti come un risultato del peccato o eventuali brecce dove il diavolo arriva. Folle riempiono chiese, moschee e sinagoghe desiderosi di sapere come piacere a questo Dio permaloso. Fanno culto senza mai aspettarsi affetto o compassione nel rapporto con il divino. Esso si riduce a: come cacciare via il male e ottenere benedizioni; Come conoscere la password del miracolo; come colpire il centro della volontà di Dio. In questi spazi, se si punta a conquistare l'amore divino, si deve fare il sacrificio, sottoporsi a riti punitivi e, naturalmente, dare dei soldi.
Ma occorre che la vita, di per sé, è faticosa. Nessuno ha bisogno di un altro peso. Il Vangelo avverte il contrario: Dio non desiste di amare. Il suo amore è fedele. Nulla diminuisce il suo impegno di donare.
Nella parabola del figlio prodigo, il padre rispose al figlio più grande: Tutto quello che ho è tuo. Questa frase deve essere la pietra angolare in quelli che hanno il coraggio di parlare di Gesù. Dio non ci stima per merito. Il vero amore non dipende dalle prestazioni nel compiere comandamenti o di raggiungere eccellenti livelli di purezza.
Ho pianto la morte di João. Ho solidificato, tuttavia, una percezione più chiara di grazia: Il bene che Dio riversa sull’umanità non è mai legato al merito. Lui [Lei] non abbandona mai quelli che hanno fallito.
Nessuno ha bisogno di avere paura del fallimento. L'amore di Dio non ha bisogno di controccambio. Fine della storia.

Soli Deo Gloria

Ricardo Gondim

          

Commenti

Post popolari in questo blog

Preghiera di perdono

Ripensando la fede.

Cristo salva